Campagna di sicurezza stradale promossa dalla Polizia di Stato in collaborazione con la Fondazione ANIA

La Fondazione ANIA partecipa al progetto della Polizia di Stato, come main sponsor, finanziando interamente lo spettacolo teatrale che sarà portato nei principali teatri delle città toccate da "Icaro 10".
Come di consueto, al progetto è abbinato un concorso sui temi della sicurezza stradale che negli anni ha visto la partecipazione interessata e costante di docenti e studenti con produzione di elaborati di alto livello qualitativo.
Dai risultati della ricerca condotta dalla Facoltà di Psicologia 2 dell'Università di Roma "La Sapienza", durante la 7ª edizione di Icaro, si è avuta conferma del fenomeno che la letteratura scientifica definisce "il paradosso del guidatore inesperto" secondo il quale ogni volta che un guidatore inesperto mette in atto un'imprudenza senza pagarne le drammatiche conseguenze, si rafforza nella sua convinzione di essere immune dai rischi d'incidente stradale. Un circolo vizioso che si interrompe quando si verifica un incidente stradale che determina l'immediata consapevolezza del pericolo in tutte le persone coinvolte.
Il concorso, indetto dalla Direzione Generale per lo Studente, l'Integrazione, la Partecipazione e la Comunicazione del Ministero dell'istruzione, è destinato agli studenti delle Istituzioni scolastiche secondarie di I e di II grado, propone la progettazione e l'attuazione di un lavoro che abbia come argomento il "Paradosso del giovane guidatore".
L'obiettivo è quello di far riflettere gli studenti sulle tematiche della sicurezza e della prevenzione e far loro ideare e realizzare proposte e interventi da porre in essere per evitare il coinvolgimento nel pericoloso "circolo vizioso" da interrompere solo per il sopraggiungere di un evento incidentale.
L'elaborato potrà essere svolto anche in chiave ironica e non solo drammatica e dovrà essere realizzato individualmente o da un gruppo composto da massimo 4 alunni.
Gli Istituti, gli studenti vincitori e gli insegnanti che hanno seguito il progetto saranno invitati a Roma e riceveranno premi messi a disposizione dalla Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale, nel corso di una cerimonia di premiazione.
Gli elaborati vincenti potranno essere utilizzati per la promozione del Progetto Icaro del 2011.
E' atroce che un Paese sempre più vecchio veda distruggere sulla strada le sue giovani vite e le sue risorse umane per il futuro. Il 30% dei morti per incidente stradale ha meno di 30 anni e 1 morto su 10 addirittura tra i 15 e i 20 anni - E' ora di dire basta allo stordimento della musica a tutto volume, all'alcol e alla distrazione che sono spesso la miccia d'innesco degli incidenti che coinvolgono i nostri ragazzi. Bisogna intervenire insieme alle famiglie e alla scuola per fare in modo che i giovani capiscano il valore della vita e non la mettano in gioco con atteggiamenti sconsiderati alla guida. E' necessario che si rendano conto che la strada non è una playstation e, in caso d'incidente, non esiste ?rewind'!"




Approfondimenti